Raggiunta quota 250 barche: è record di iscritti per la #151da10

fonte originale visita sito web

Era nell’aria, adesso è realtà: la decima edizione della 151 Miglia-Trofeo Cetilar ha stabilito un nuovo record d’iscritti. Sono infatti 250 le barche che, divise nelle categorie ORC International e IRC, hanno preso il via giovedì 30 maggio alle 16:00, si sono lasciate alle spalle Livorno e Marina di Pisa per puntare la prua verso l’isolotto della Giraglia, le Formiche di Grosseto e infine Punta Ala.

 

250 barche è un numero davvero impressionante per una regata offshore e potevano essere ancora di più, se il Comitato Organizzatore formato da Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa, Yacht Club Punta Ala e Yacht Club Livorno, non avesse giustamente deciso di dare uno stop alle iscrizioni, per poter gestire al meglio una flotta così imponente in cui spiccano numerosi Maxi Yachts, a partire dal famoso Rambler 88 dell’armatore americano George David (in pozzetto la leggenda vivente della Coppa America Brad Butterworth) e da Pendragon VI di Nicola Paoleschi, detentore del record della 151 Miglia stabilito l’anno scorso in 15 ore, 30 minuti e 45 secondi.

 

Aspettando la regata si sono svolti una serie di eventi sportivi al Porto di Pisa: le spettacolari regate delle Cetilar M32 European Series Pisa (da venerdì 24 a domenica 26, con 8 catamarani in regata), 151 Bimbi a Vela, giornata dedicata alla promozione della vela tra i più piccoli, fino alla seconda edizione della gara podistica 15.1 Run, appuntamenti in entrambi i casi in programma per sabato 25.

 

Un weekend intenso e ricco di sport, antipasto di un’edizione speciale della 151 Miglia, regata plastic-free dedicata interamente alla salvaguardia del mare per lanciare un messaggio concreto al mondo della vela. Numerose, in proposito, le iniziative sul tema che coinvolgeranno i partecipanti, grazie alla collaborazione con realtà come l’ONLUS Worldrise, la Divisione Vela Marevivo (da scaricare, in proposito, la APP “Occhio al mare”) e la One Ocean Foundation, promotrice della Cartha Smeralda.

 

Da segnalare anche l’iniziativa promossa dal Sonnolab del Dipartimento di Ricerca Traslazione e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia dell’Università di Pisa, diretto dal Prof. Ugo Faraguna, che ha l’obiettivo di analizzare le performance di regata di ogni equipaggio, sulla base delle strategie di gestione del ciclo sonno-veglia. I  partecipanti sono stati coinvolti direttamente nello studio e sono state raccolte molte informazioni sullo stretto legame tra sonno e performance sportiva, partendo dal fatto che è dimostrato come una corretta gestione del riposo influisca direttamente sulla qualità della prestazione (e la vela non fa eccezione, anzi). presto verranno presentate le conclusioni del lavoro.

 

Organizzata con la collaborazione del Porto di Pisa, del Marina di Punta Ala, e dei partner PharmaNutra S.p.A. con il brand Cetilar®, Rigoni di Asiago, North Sails e TAG Heuer, la 151 Miglia-Trofeo Cetilar è una tappa del Campionato Italiano Offshore della FIV, del Mediterranean Maxi Offshore Challenge, il circuito di regate riservato ai Maxi Yachts, e del Trofeo Arcipelago Toscano.

L’articolo Raggiunta quota 250 barche: è record di iscritti per la #151da10 proviene da .

Potrebbero interessarti

GIGANTI DEL MARE

fonte originale visita sito webGIGANTI DEL MARE Sabato 15 giugno alle 18.30 presso Yacht Club Marina di San Vincenzo sarà inaugurata la mostra fotografica personale di Bianca Maria Monticelli.   GIGANTI DEL MARE “Immagini che coinvolgono lo spettatore proprio per il loro carattere anti epico e anti monumentale, che...

Trofeo Challenge FEDERICO SGHERRI

fonte originale visita sito web Il 9 giugno lo Yacht Club Livorno organizza Il Trofeo Challenge Federico Sgherri . La regata è  aperta alla classe  LIBERA     Il percorso:                       Livorno – Boa Castiglioncello – Boa Faro di Vada – Livorno (mg 27 ca.) Il Trofeo Sgherri sarà assegnato...

lezarde-colmater.jpg

Comment réparer une lézarde dans un mur ?

fonte originale visita sito webAh, les lézardes ! Pratiquement tout le monde en a eu dans sa maison, dans son garage ou dans sa cave. Tant qu’elles se trouvent dans des zones peu visibles et où on ne passe pas trop, elles sont tolérables. Mais lorsqu’elles apparaissent dans un...